Scopriamo assieme gli EVSE (Electric Vehicle Supply Equipment)

Chi ha un’auto elettrica o almeno ibrida, purché sia “Plugin” (ovvero ricaricabile dall’esterno) o si sia comunque interessato all’argomento, ne avrà già sentito parlare. Detti anche Wall Box, EV Chargers, Colonnine di Ricarica o, volgarmente, “caricabatterie”, si tratta degli EVSE, acronimo di Electric Vehicle Supply Equipment. La seconda “E”, che sta per equipment, esprime al meglio il senso di questo misterioso EVSE, perché in realtà si tratta di un dispositivo che fa un po’ di tutto, tranne quel che ci si aspetterebbe, ovvero gestire la corrente di ricarica come farebbe…

Sensore di temperatura due Pin LMT01

La diffusione dell’ Internet delle cose o Internet of things (IOT) ha reso ancora più importante la reperibilità di sensori accurati, economici ed immuni al rumore, requisito particolarmente importante in ambito automotive. Tra i sensori più comuni ed utilizzati, quello di temperatura fa la parte del leone; da svariate decine di anni sono disponibili nel mercato della componentistica elettronica, un gran numero di semiconduttori che ci garantiscono un’accuratezza ed una semplicità d’uso elevata. Vediamo oggi un prodotto relativamente recente della Texas Instruments, che, oltre ad una buona precisione, unisce una…

Renesas fornisce accesso alle sue soluzioni con “Lab on the Cloud”

Renesas Electronics Corporation, uno dei principali fornitori di soluzioni avanzate per semiconduttori, ha annunciato il suo nuovo ambiente “Lab on the Cloud” in cui le soluzioni Renesas, comprese le popolari schede di valutazione, le applicazioni winning combo e i software, sono ospitate in un laboratorio remoto a cui i clienti possono accedere ed effettuare test online. Il Lab on the Cloud fornisce agli utenti un rapido accesso alle soluzioni Renesas prima di ricevere una scheda fisica o iniziare un progetto. Le schede sono configurate in un laboratorio remoto connesso al…

Cinque best practice per aumentare la durata della batteria nei misuratori di portata

di Eric Djakam, Senior Field Applications Engineer, Texas Instruments   I misuratori di portata utilizzano batterie al litio biossido di manganese (LiMnO2) ed al litio cloruro di tionile (LiSOCl2) come fonti di energia. Le batterie LiSOCl2 sono diffuse nei misuratori di portata perché offrono una migliore densità di energia e un rapporto costo per watt più efficiente rispetto alle batterie LiMnO2. Tuttavia, le batterie LiSOCI2 presentano una scarsa risposta agli impulsi, che può causare una forte caduta di tensione durante il caricamento di correnti transitorie. È possibile combinare elementi tampone,…

Progettazione di DAC PWM ad alte prestazioni per trasmettitori da campo

Di Ahmed Noeman [System Engineer, Factory Automation and Control]   La modulazione di larghezza di impulso (PWM) è un diffuso metodo di progettazione per rappresentare la tensione nell’elettronica di controllo, in quanto controllare l’accuratezza di temporizzazione nei circuiti integrati risulta più semplice che controllare l’accuratezza della tensione. I separatori di clock digitali integrati possono generare frazioni accurate partendo da riferimenti di clock molto più facilmente di quanto possa fare un tipico convertitore analogico/digitale (ADC) partendo da un riferimento di tensione. Il controllo PWM è ampiamente utilizzato nella conversione di potenza,…

Scegliere un alimentatore Step-Up

In questo articolo andremo ad analizzare alimentatori comunemente denominati Boost oppure anche Step-Up; come si può già intuire dal nome, si tratta di alimentatori in grado di elevare una tensione, ovvero fornire all’uscita una tensione più alta di quella ricevuta all’ingresso. L’impiego di questi alimentatori è molto diffuso perché permette di ricavare l’alimentazione per una gran varietà di circuiti elettronici partendo dai bassi valori di tensione delle pile e batterie da 1,5V, 3V, 3,6V, 7,2V e 12V ecc. per ottenere tensioni più elevate. Avendo ampiamente trattato le varie tipologie di…

Kit Multistack per LPWAN semplifica lo sviluppo di applicazioni per le città “intelligenti”

Murata, in collaborazione con il proprio partner tecnologico Sentinum, ha reso noto l’introduzione di un kit di sviluppo multistack per l’implementazione di reti LPWAN (Low-Power Wide Area Network). Denominato Yamori, questo kit di sviluppo integra una serie di moduli wireless sviluppati da Murata per accelerare la fase di valutazione. In questo modo è possibile valutare criteri relativi all’uso delle reti LPWAN per applicazioni IoT sfruttando una piattaforma versatile unica nel suo genere. Il kit supporta I seguenti protocolli RF e cellulari: LoRa, NB-IoT, Cat M1 (LTE-M) e VoLTE (Voice over…

Verificare la comunicazione I2C con l’analizzatore Digital Discovery e LabVIEW

    Arduino, la piattaforma open source per eccellenza, è ampiamente utilizzata per la realizzazione di diversi sistemi e applicazioni. È possibile programmarla con un linguaggio tipo C++ e ricorrere a numerose librerie per eseguire una serie di operazioni semplici o più complicate senza doverne scrivere il relativo codice, perché ciascuna, opportunamente inclusa nello sketch, si occupa in toto di svolgere una certa funzione. È anche possibile collegare alla piattaforma Arduino diversi sensori per acquisire, ad esempio, dati ambientali. La semplicità di utilizzo si scontra -a volte- con la difficoltà…

Sony lancerà i primi sensori di visione al mondo con funzionalità di elaborazione AI

Per abilitazione dell’elaborazione AI ad alta velocità Edge e contributo alla creazione di sistemi ottimali collegati al cloud. Sony Corporation ha annunciato oggi l’imminente rilascio di due modelli di sensore di visione intelligenti, i primi sensori di immagine al mondo dotati della funzionalità di elaborazione AI. La funzionalità di elaborazione AI sul sensore consente l’elaborazione e l’estrazione dei soli dati necessari; ciò garantisce, quando si utilizzano i servizi cloud, di ridurre la latenza della trasmissione, risolvere i problemi di privacy e riduce il consumo di energia e i costi di…

Un processore in banda base di semplice utilizzo per transceiver RF

Al giorno d’oggi, i sistemi wireless sono ovunque e il numero dei dispositivi e dei servizi wireless è in continua crescita. Il progetto di un sistema RF completo è una sfida multidisciplinare, la cui parte più critica è rappresentata dal front-end RF analogico. Tuttavia, la disponibilità di transceiver RF integrati come l’AD9361 riduce grandemente le sfide poste dall’RF sui progetti di questo tipo. Questi transceiver forniscono un’interfaccia digitale per la catena di segnale analogico RF e consentono la facile integrazione di un ASIC o FPGA per l’elaborazione in banda base. Il…