Wi-Fi: una tecnologia in continua evoluzione

Kevin Mukai Director of Product Marketing, ON Semiconductor Mentre IoT (Internet of Things) ha favorito l’introduzione di un gran numero di applicazioni wireless, Wi-Fi ha trainato l’evoluzione della connettività di rete in modalità wireless per oltre un ventennio. I progressi della tecnologia Wi-Fi, abbinate a doti di affidabilità ed economicità, ne hanno favorito l’adozione su larga scala e i dispositivi Wi-Fi permettono lo sviluppo di nuove applicazioni e casi d’uso nei più svariati segmenti di mercato in tutto il mondo. Negli ultimi due decenni, Wi-Fi è stato oggetto di una…

Controllo vocale: come progettare una VUI (Voice User Interface)

Pavan Mulabagal Director – IoT Strategy and Marketing (ON Semiconductor) Chiunque possieda un dispositivo connesso, avrà quasi sicuramente notato che molto spesso è possibile controllarlo o istruirlo mediante comandi vocali. In effetti il controllo vocale sta diventando un metodo di interfacciamento molto diffuso. A questo proposito basti pensare che il numero degli smart speaker, o altoparlanti “intelligenti”, venduti passerà dalle 125 milioni di unità del 2019 ai 300 milioni previsti per il 2022, con una crescita particolarmente sostenuta nel continente asiatico. Poiché a questi altoparlanti “intelligenti” viene connesso un numero…

Sensori smart – Panoramica sulle tecnologie più recenti

di Cliff Ortmeyer, Global Head of Technical Marketing, Farnell   Le applicazioni IoT per infrastrutture urbane, fabbriche o dispositivi indossabili, utilizzano una vasta gamma di sensori che raccolgono dati da trasmettere via Internet a una risorsa centrale in cloud. Il software di analitica che gira sui computer collegati in cloud riduce gli enormi volumi di dati generati in informazioni facilmente gestibili dagli utenti e invia i comandi agli attuatori sul campo. I sensori sono un fattore chiave del successo dell’IoT – ma questi sensori non sono come quelli tradizionali, che…

Scegliere il giusto protocollo Ethernet industriale

di Vibhoosh Gupta Le applicazioni di automazione industriale si basano sulla connettività dai livelli più bassi a quelli più alti. Le connessioni di campo più basilari sono i punti di I/O cablati, che nel corso degli anni sono stati integrati e poi sostituiti dai bus di campo industriali. Per le comunicazioni tra gli elementi di automazione di livello superiore sono più adatti reti e protocolli di altro tipo. Nell’ultimo decennio, un progresso significativo è stato il crescente utilizzo di Ethernet per la connettività industriale. Ethernet è emersa come un chiaro…

Come scegliere un alimentatore STEP-DOWN

Il nostro impegno e i nostri obiettivi primari sono da sempre la presentazione in anteprima di soluzioni tecnologiche di alto livello, che pur rimangono in una sfera alla portata di tutti gli appassionati di elettronica. Cerchiamo sempre di presentarvi sia nuovi componenti, sia breakout board e schede elettroniche reperibili già pronte in commercio, in grado di risolvere con semplicità e poca spesa molti problemi che comunemente il progettista professionista o l’hobbista si trovano ad affrontare. Tra le schede già pronte oggi disponibili in gran quantità sul mercato, figurano certamente gli…

Scarica gratuitamente l’ebook per l’Industria 4.0

Farnell ha annunciato il nuovo ebook “Industry 4.0 Interviews 2020”. L’ebook presenta le opinioni di esperti globali di Festo, Omega, Molex, Panasonic e Scheider Electric sullo sviluppo dell’Industrial Internet of Things (IIot) e delle relative tecnologie. L’ebook fornisce informazioni per i costruttori di pannelli, gli integratori di sistemi e i progettisti, gli ingegneri industriali ed elettronici, compresi quelli coinvolti nella manutenzione e riparazione. “I continui progressi nell’automazione industriale e nella tecnologia di controllo, insieme all’aumento della connettività dei dispositivi attraverso l’IIot, consente agli ingegneri e ai produttori di utilizzare hardware…

Scegliere un alimentatore Step-Up

In questo articolo andremo ad analizzare alimentatori comunemente denominati Boost oppure anche Step-Up; come si può già intuire dal nome, si tratta di alimentatori in grado di elevare una tensione, ovvero fornire all’uscita una tensione più alta di quella ricevuta all’ingresso. L’impiego di questi alimentatori è molto diffuso perché permette di ricavare l’alimentazione per una gran varietà di circuiti elettronici partendo dai bassi valori di tensione delle pile e batterie da 1,5V, 3V, 3,6V, 7,2V e 12V ecc. per ottenere tensioni più elevate. Avendo ampiamente trattato le varie tipologie di…

Bassa potenza, grande impatto: PHY Ethernet a basso consumo per l’automazione degli edifici

L’espandersi dell’utilizzo della tecnologia Ethernet nell’automazione degli edifici consente, grazie anche all’impiego di reti di controllo e avanzati sensori, di gestire in maniera ottimale sistemi ambientali (come illuminazione e riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell’aria), controllo accessi, dispositivi di sicurezza e protezione così come sistemi per la manutenzione predittiva. Nelle nuove costruzioni vengono già implementati reti con cavi dedicati di Categoria 5e, switch e router Ethernet. Anche nel patrimonio edilizio esistente vengono sempre più spesso installati reti dati e sensori/attuatori di vario tipo. Questa ristrutturazione è impegnativa per due motivi principali: La…

Capire e gestire il ripple di uscita dei regolatori buck

Il tuo nuovo progetto di regolatore deve stare nella metà dello spazio previsto e deve costare poco o nulla? Sei riuscito nell’intento utilizzando il più piccolo regolatore disponibile e i componenti esterni più convenienti? Fin qui tutto bene. Ma poi guardando il ripple di uscita scopri che c’è qualcosa che non va. Cosa è successo? Cominciamo col capire cosa è il ripple di uscita di un regolatore DC/DC buck. Diciamo subito che si tratta di una forma d’onda composita. Tradizionalmente vengono considerati solo i tre elementi principali mostrati nella Figura 1: Un’onda triangolare generata…

Applicazioni industriali più intelligenti con l’incremento della frequenza operativa dei sensori mmWave da 24 a 60 GHz

Città, edifici e fabbriche diventano sempre più intelligenti e richiedono sensori sempre più performanti.  Negli ultimi anni, i sensori a onde millimetriche (mmWave) hanno conquistato nuovi spazi grazie alla loro capacità di rilevare la velocità e l’orientamento degli oggetti in differenti ambiti. I sensori mmWave utilizzano il rilevamento a radiofrequenza (RF) anziché la luce o le onde sonore; ciò offre la possibilità di rilevare persone persone e oggetti attraverso una varietà di materiali, come vetro e cartongesso. Questi sensori possono funzionare anche in presenza di fattori ambientali come fumo, pioggia…