Il nuovo orologio G-SHOCK di Casio con Heart Rate Monitor e GPS utilizza il micro Renesas RE

I microcontrollori RE ad alte prestazioni e Ultra Low Power realizzati grazie alla tecnologia SOTB consentono di sviluppare, in modo semplice, sistemi multifunzionali complessi.

Renesas Electronics ha annunciato oggi che Casio ha deciso di adottare la famiglia di microcontrollori ultra low power Renesas RE come controllore principale del suo nuovo modello Casio GBD-H1000 G-SHOCK, presentato nello scorso 26 Febbraio 2020, che include il monitoraggio del battito cardiaco ed il sistema di posizionamento globale GPS.

GBD-H1000 è il nuovo componente della linea di orologi resistenti agli urti Casio G-SHOCK ed è equipaggiato con: un sensore ottico che misura la frequenza del battito cardiaco rilevando il flusso sanguigno al di sotto della pelle; un sensore triplo che misura la temperatura, la pressione barometrica e l’altitudine e l’orientamento del campo magnetico terrestre (bussola); un sensore di accelerazione che viene utilizzato per contare il numero di passi e per stimare la distanza percorsa in combinazione con la funzione di posizionamento globale GPS che acquisisce le informazioni relative alla posizione. La famiglia di microcontrollori ultra low power RE di Renesas è in grado di elaborare le complesse funzioni interne dell’orologio richiedendo, allo stesso tempo, valori di potenza molto bassi. Questo consente di sviluppare orologi user friendly che offrono una ampia gamma di funzionalità richiedendo la sola alimentazione derivante dalle celle solari durante l’utilizzo quotidiano.

La famiglia di microcontrollori RE utilizzata nel nuovo orologio è stata sviluppata utilizzando il processo tecnologico denominato SOTB, esclusivo di Renesas, che, per la prima volta, riesce a raggiungere i migliori livelli di basso consumo sia in modalità operativa completa sia in modalità di riduzione del consumo. Renesas e Casio hanno lavorato insieme allo sviluppo del nuovo orologio GBD-H1000 allo scopo di ottenere sia un elevato livello di funzioni e di prestazioni sia il più basso livello di consumi.

“Lo sviluppo dell’orologio GBD-H1000 ha richiesto un elevato livello di innovazione tecnologica per raggiungere le prestazioni di elaborazione che andasse oltre la mera estensione lineare delle prestazioni dei processori precedenti”, ha affermato Yuichi Masuda, Senior Executive Managing Officer, Senior General Manager of Product Development Headquarters, Senior General Manager of Timepiece Business Unit, Business Strategy Headquarters di Casio. Noi abbiamo selezionato la tecnologia SOTB di Renesas grazie ai suoi risultati superiori sia in termini di prestazioni sia in termini di efficienza energetica. Sono profondamente grato per il grande contributo allo sviluppo delle funzioni avanzate di GBD-H1000 ottenuto grazie all’utilizzo della famiglia di microcontrollori RE di Renesas.”

“Sono onorato del fatto che Casio abbia adottato la famiglia di microcontrollori RE di Renesas come processore principale del suo orologio G-SHOCK”, ha affermato Hiroto Nitta, Senior Vice President, Head of SoC Business, IoT and Infrastructure Business Unit di Renesas. ”Sono profondamente impressionato dell’impegno e della passione di Casio nello sviluppare qualcosa che non era mai stato ottenuto prima e sono felice del fatto che, insieme, siamo stati capaci di sorpassare gli ostacoli tecnici per ottenere una significativa estensione delle funzionalità dei prodotti Casio G-SHOCK. Mi attendo di continuare in futuro la nostra collaborazione con Casio allo scopo di ottenere ulteriori innovazioni tecnologiche e di lavorare insieme allo sviluppo di prodotti che arricchiranno la vita delle persone.”

Renesas continuerà ad investire nello sviluppo di microcontrollori ultra low power prodotti utilizzando la tecnologia SOTB allo scopo di contribuire alla realizzazione di una smart society che dia priorità alla prosperità del genere umano ed al rispetto dell’ambiente.

Ulteriori informazioni sulla famiglia di microcontrollori Renesas RE sono disponibili qui.

 

Post correlati

Commenta questo articolo