In mostra a MCE 2020 i sensori Omron per la building automation e il rilevamento ambientale

Omron Electronics Components Europe espone a MCE  (Mostra Convegno Expocomfort, Pad.9, Stand C08) le nuove soluzioni basate su sensori con tecnologia MEMS, adatte ad applicazioni di building automation, digital signage e sistemi di monitoraggio ambientale.

In primo piano la versione ultra-grandangolare a 32×32 elementi, dei sensori termici MEMS D6T di Omron, lanciata proprio di recente, e in grado di raggiungere il più ampio campo di visione offerto finora da Omron. Il nuovo D6T-32L-01A opera con un campo di rilevamento di 90 x 90 gradi e può quindi includere un’ampia area, come ad esempio un’intera stanza. Dal rilevamento di temperature anomale sulla linea di produzione negli impianti industriali al monitoraggio del cibo e di altre temperature all’interno di una cucina, il D6T può dare un sostanziale contributo in termini di sicurezza – identificando potenziali problematiche prima che diventino rischi più gravi.

In esposizione anche la seconda generazione di Omron Human Vision Components HVC-P2, che offre una velocità di riconoscimento 10 volte superiore a quella del suo predecessore. Questo modulo integrato include una fotocamera e una piattaforma di elaborazione immagini. È dotato di dieci funzioni di rilevamento delle immagini per utilizzi in applicazioni di segnaletica digitale, di automazione casa e ufficio e di sicurezza; includono rilevamento del corpo, riconoscimento facciale, rilevamento delle mani, stima dell’età, del genere e dello stato d’animo. I risultati possono essere visualizzati tramite un’interfaccia UART o USB.

In mostra anche il sensore ambientale multifunzione 2JCE, che permette ai progettisti di monitorare rapidamente sette parametri. Il sensore ambientale Omron è disponibile per la prima volta in formato USB, con dimensioni di soli 14,9 x 29,1 x 7,0 mm ed è in grado di monitorare temperatura, umidità, luce, pressione barometrica, rumore, attività sismica e qualità dell’aria (gas VOC). Il sensore può accumulare dati per una durata di circa tre mesi (sulla base di una comunicazione ogni cinque minuti) e connettersi con più dispositivi, tipicamente lo smartphone, via Bluetooth 5.0.

Il team di Omron sarà inoltre disponibile per presentare gli altri prodotti dell’azienda: sensori di pressione, flusso, vibrazione e tilt, ma anche relè elettromeccanici, microinterruttori, relè MOSFET, DIP switch, fotomicrosensori e connettori.

 

Post correlati

Commenta questo articolo