Infineon lancia la famiglia di microcontrollori Traveo II Body per automotive

L’elettrificazione dei veicoli e i sistemi avanzati di assistenza alla guida rappresentano un trend inarrestabile, così come l’aumento del confort e la complessità e le caratteristiche delle nuove funzionalità offerte dalle moderne vetture.

Per affrontare la sfida della crescente complessità delle applicazioni per automotive, Infineon Technologies lancia Traveo™ II Body, nuova famiglia di microcontrollori per un’ampia varietà di applicazioni automobilistiche, inclusi moduli di controllo della carrozzeria, unità di controllo di portiere, finestrini, tettucci apribili e sedili, nonché terminali per smartphone e unità di ricarica wireless. Il lancio sul mercato di questi prodotti segue l’acquisizione di Cypress Semiconductor Corporation da parte di Infineon, società che ha sviluppato questa famiglia di prodotti.

L’integrazione di entrambe le società produce il portafoglio di microcontrollori automobilistici più completo del settore“, ha affermato Peter Schaefer, Senior Vice President and General Manager of Automotive Microcontrollers presso  Infineon. “L’aggiunta delle famiglie di microcontrollori Traveo e dei PSoC automobilistici di Cypress alla nostra famiglia AURIX safety controllers consente di offrire soluzioni ottimizzate per l’intera gamma di applicazioni automobilistiche, dalla carrozzeria, al quadro strumenti, dall’infotainment al telaio, alla catena cinematica, all’assistenza alla guida e al controllo di area“.

Per le applicazioni in questo settore Infineon offre già una varietà di sensori e prodotti di alimentazione che vanno dalle soluzioni di controllo del motore e distribuzione intelligente dell’alimentazione alle soluzioni LED. I prodotti Traveo II Body completano questo portafoglio con una famiglia di microcontrollori che offre le prestazioni, la scalabilità, il basso consumo energetico e la sicurezza richieste dalle piattaforme automobilistiche emergenti. “La famiglia Traveo II Body è una pietra miliare nel nostro approccio da prodotto a sistema, che ci consente di offrire soluzioni di sistema complete per le applicazioni body”, ha affermato Peter Schaefer.

La famiglia multicore Traveo II è basata su core ARM Cortex-M7 e -M4 con un massimo di 8 MB di embedded flash che aiuta i dispositivi a fornire le robuste prestazioni richieste dalle applicazioni automotive. La conformità al livello ISO26262 ASIL-B garantisce un funzionamento sicuro del dispositivo, anche per temperature ambiente fino a 125 °C.

Dotati di periferiche avanzate, incluso il supporto per i protocolli di comunicazione CAN-FD, Ethernet e FlexRay, i microcontrollori Traveo II offrono scalabilità e compatibilità dei pin tra tutti i dispositivi di fascia bassa e tra tutti i dispositivi di fascia alta. La famiglia fornisce un basso consumo energetico, fino a 5 µA, e una maggiore sicurezza (EVITA-Full) per le auto connesse di oggi. Il supporto completo del firmware over-the-air consente gli aggiornamenti remoti dell’applicazione e del software di sicurezza senza alcuna interruzione del servizio.

I microcontrollori sono supportati dal software AUTOSAR (AUTomotive Open System ARchitecture) 4.2. Inoltre, sul mercato è disponibile un ampio ecosistema basato su ARM, per strumenti e software, che spazia da vari strumenti IDE e debugger ai sistemi operativi in ​​tempo reale.

Disponibilità

La famiglia Traveo II Body comprende quattro diverse serie di dispositivi entry-level e due serie di dispositivi di fascia alta, ciascuna con una dimensione di memoria e un numero di pin diversi. I primi dispositivi entry-level saranno disponibili per la produzione di massa a partire da ottobre 2020. Gli altri dispositivi verranno distribuiti in seguito, fino a quando l’intera famiglia di prodotti non sarà disponibile entro il secondo trimestre del 2021. Oltre questa data, la famiglia Traveo II sarà ulteriormente integrata con nuovi microcontrollori grafici embedded per continuare la sua forte presenza nelle applicazioni relative a cruscotti, cockpit e display digitali.

www.infineon.com

 

 

 

Post correlati

Commenta questo articolo