MAX25430, la più piccola ed economica soluzione USB Power Delivery per il mercato automobilistico

Rispetto alle soluzioni concorrenti, il controller Buck-Boost MAX25430 riduce fino al 40 per cento le dimensioni e fino al 25 per cento i costi del progetto, eliminando la necessità di microcontrollori, involucri metallici e dissipatori di calore.

Grazie al controller buck-boost introdotto da Maxim Integrated i progettisti di sistemi per la ricarica USB in ambito automotive possono ora disporre della soluzione più piccola ed economica per USB Power Delivery (PD) da 100W disponibile sul mercato.  Il MAX25430 rappresenta la soluzione maggiormente integrata e più economica oggi disponibile, in grado di ridurre la dimensione del progetto fino al 40 per cento rispetto alla concorrenza aumentando il numero di porte USB PD disponibile sui veicoli.

Gli hub multimediali automotive, inclusi i moduli di intrattenimento per i sedili posteriori e le unità di controllo principali, stanno espandendo le proprie funzionalità grazie alla disponibilità di caricatori USB PD integrati negli abitacoli dei veicoli passeggeri. Tuttavia, esistono limitazioni di dimensioni, costi e potenza, che il MAX25430 risolve al meglio.

Il MAX25430 integra un USB Type-C Port Controller (TCPC), la linea di alimentazione VCONN, il buck-boost e circuito di protezione, eliminando la necessità di dissipatori di calore e involucri metallici, riducendo le dimensioni fino al 40 per cento rispetto a soluzioni a più dispositivi della concorrenza. Inoltre, i costi legati alla distinta base sono ridotti del 25 per cento rispetto alle soluzioni della concorrenza. Il MAX25430 opera, a piena potenza, a una temperatura inferiore di 20 gradi centigradi rispetto alle soluzioni USB PD concorrenti. Richiede soltanto un microcontrollore (MCU) indipendentemente dal numero di porte, mentre le soluzioni concorrenti richiedono un numero addizionale di MCU per porta.

Per completare la soluzione, Maxim Integrated offre anche il circuito di protezione per porte USB PD MAX25410 e il controller buck-boost H-bridge da 40V per il mercato automotive MAX25431, in grado di soddisfare i principali requisiti per la ricarica dei dispositivi USB.

Principali vantaggi:

  • Dimensioni Compatte: il dispositivo integra un regolatore di potenza TCPC, la linea di alimentazione VCONN, il controller buck-boost e il circuito di protezione, riducendo le dimensioni della soluzione fino al 40 per cento
  • Basso Costo: eliminando la necessità di dissipatori, involucri metallici e MCU, si ottiene un risparmio sui costi pari al 25 per cento
  • Elevate Prestazioni: il dispositivo fornisce elevate prestazioni e affidabilità anche negli ambienti automotive più critici, operando a temperature 20 gradi centigradi inferiori rispetto al dispositivo della concorrenza più simile

Le case automobilistiche stanno aumentando il numero di porte USB-C Power Delivery presenti nei veicoli,” ha affermato Richard Robinson, direttore automotive di Strategy Analytics. “Con una previsione di crescita del mercato quasi pari a 10 tra il 2020 (5,7 milioni di unità) e il 2027 (50 milioni di unità), Maxim Integrated è ben posizionata per sfruttare il significativo aumento dei requisiti automotive relativi a una maggiore disponibilità di potenza e trasferimento più veloce dei dati sui dispositivi consumer.”

Maxim Integrated aveva in mente le esigenze dei progettisti quando ha sviluppato un prodotto per la gestione di porte USB-C Power Delivery,” ha affermato Michael Mishko, direttore della gestione aziendale per la Business Unit Automotive di Maxim Integrated. “Il MAX25430 rappresenta la soluzione ideale per progetti automotive compatti, efficienti, flessibili e con un’eccellente gestione termica.”

Il MAX25430BATLG/V+T è già disponibile al costo unitario di 4,17 $ (1000-up, FOB USA); anche l’evaluation kit MAX25430AEVKIT# è già disponibile al costo unitario di 299 $.

Ulteriori dettagli sulle soluzioni USB PD automotive di Maxim Integrated sono disponibili al link: http://maxim.click/Automotive_USBPD

www.mximintegrated.com

 

 

Post correlati

Commenta questo articolo