Yokogawa lancia l’oscilloscopio a segnali misti di nuova generazione DLM5000

Yokogawa ha presentato il DLM5000, un oscilloscopio di nuova generazione a segnali misti con l’opzione per quattro o otto canali analogici.

Il nuovo oscilloscopio è il successore del precedente modello a 8 canali DLM4000. Con un hardware riprogettato, il DLM5000 offre notevoli miglioramenti sia in termini di prestazioni che di operatività, inclusa una frequenza di campionamento doppia rispetto al DLM4000.

Progettato per essere supremamente adattabile e flessibile, il DLM5000 soddisfa le precise e rigorose esigenze delle aziende in settori quali quelli della meccatronica, elettronica di potenza, automotive, aerospaziale, ferroviario ed elettronica di consumo.

Il DLM5000 è ideale per sviluppare tecnologie a semiconduttori di potenza ad alte prestazioni intelligenti e meccatroniche applicate ai moderni veicoli elettrici, ai controlli dei motori e ai progetti elettronici ad alta efficienza energetica.
La flessibilità di cui questi utenti hanno bisogno è ottenuta con un massimo di  otto canali analogici e 32 bit di logica, insieme a canali matematici aggiuntivi, analisi del bus seriale del veicolo e numerose altre funzionalità di analisi.

Un elevato numero di canali è la chiave per sviluppare motori elettrici ad alte prestazioni efficienti e affidabili. Basato sui moderni inverter, uno sviluppo di successo di questi motori richiede una misura multicanale delle forme d’onda ad alta velocità. Questi tipi di misurazioni spesso necessitano di più di quattro canali,  motivo per il quale  il DLM5000 offre otto veri ingressi analogici, dando agli ingegneri di oggi gli strumenti di cui hanno bisogno per misurazioni convenienti/pratiche e complete.

Le funzionalità del DLM5000 lo rendono anche ideale per lo sviluppo delle Electronic Control Units (ECU) per i sistemi meccatronici. In questa applicazione numerose forme d’onda da I/O analogici, da ingressi digitali e da bus seriali devono essere misurate. Con la capacità di monitorare otto canali analogici e fino a 32 bit di ingresso logico, 16 standard più 16 opzionali, insieme a un’analisi contemporanea di protocolli quali UART, I2C, SPI, CAN, CAN FD, LIN, CXPI, SENT e FlexRay, il DLM5000 può accelerare l’attività di sviluppo e messa a punto quando solo quattro canali non sono sufficienti.

In aggiunta, la nuova funzione DLMsync, presto disponibile, permette di connettere due DLM5000 e farli lavorare insieme, estendendo le misurazioni per ottenere un numero maggiore di informazioni sulle performance e sui comportamenti dei sistemi elettronici.

Con questa funzionalità, collegando due DLM5000 con un cavo dedicato si consente la misurazione, con un unico clock e trigger, di fino a 16 canali analogici (8 + 8) più 64 bit di logica.

In alternativa, i modelli a otto canali e i modelli a quattro canali del DLM5000 possono essere connessi per ottenere una configurazione di “8 + 4 = 12 canali”.

Il DLM5000 può essere utilizzato come oscilloscopio a segnali misti con 8 segnali analogici e 16 ingressi digitali, con tutti i canali in grado di essere usati contemporaneamente. Con l’opzione /L32 , fino a 32 segnali logici possono essere misurati. Nell’oscilloscopio sono inclusi anche un Bus/State display e una funzione opzionale di calcolo DA, utile per valutare convertitori AD/DA.

Ulteriori caratteristiche del DLM5000 sono un basso rumore residuo, un’ampia gamma di tensioni e una varietà di filtri passa basso in tempo reale in grado di assicurare la massima fedeltà del segnale

La facilità d’utilizzo era un altro degli obiettivi per il design del DLM5000. L’oscilloscopio è dotato di un grande e veloce schermo touch screen da 12.1 pollici che permette un facile monitoraggio delle forme d’onda, non solo durante la visualizzazione degli otto canali, ma anche considerando i canali matematici aggiuntivi di calcolo e le schermate di zoom.

Oltre allo schermo touch, il DLM5000 fornisce anche il tradizionale pannello dell’oscilloscopio, permettendo agli utilizzatori di navigare facilmente attraverso le ricche funzioni di analisi che l’oscilloscopio offre.

Gestire e accedere ai dati è estremamente facile grazie all’estesa memoria del DLM5000, che può salvare fino a 100,000 forme d’onda catturate. Con la funzione History, l’utente può visualizzare sullo schermo una o tutte le forme d’onda catturate ed eseguire misurazioni coi cursori, calcoli e altre operazioni su queste forme d’onda visualizzate.

La funzione History consente le analisi di segnali anomali raramente presenti, anche in condizioni di difficili “triggering” a causa di forme d’onda non costanti.

Terry Marrinan, VP Sales & Marketing Yokogawa Europe and South-East Asia, dice: “Con i suoi otto canali e la possibilità di collegarsi ad altre unità, il DLM5000 stabilisce un nuovo standard nel campo della flessibilità di misurazione. L’elevato numero di campioni richiesti nell’analisi di inverters, motori e sistemi meccatronici significa che sono necessari più canali per catturare tali dati. Il DLM5000 di Yokogawa va incontro alle richieste degli ingegneri di oggi che si occupano di sviluppo, offrendo loro le prestazioni di cui hanno bisogno per analizzare le migliaia di forme d’onda catturate.”

Numerosi metodi possono essere usati per cercare forme d’onda che presentano le caratteristiche definite dall’utilizzatore, oppure gli utenti possono riprodurre automaticamente in avanti o indietro (o mettere in pausa) le forme d’onda nella memoria history.

Il DLM5000 offre opzioni di analisi seriale (/F01 to /F05) per sistemi embedded e segnali dei bus dei veicoli insieme con una decodifica e visualizzazione dei segnali stessi. L’ingresso logico può essere anche usato per specifici bus seriali tra i quali I2C, SPI, UART e SENT. Trigger complessi e impostazioni di decodifica quali il bit rate e i livelli di soglia sono rilevati automaticamente.

Possono essere eseguite  analisi simultanee di quattro differenti bus; forme d’onda e i risultati delle analisi, con diverse velocità di bus, vengono  mostrati utilizzando finestre con doppio zoom.

https://tmi.yokogawa.com/eu

 

 

Post correlati

Commenta questo articolo